IMPEGNO COMUNITARIO

Periodico della Parrocchia di Frescada - N. 111 - Giugno 2001

"Dove sei Gesù?" E' questo l'impegnativo quesito a cui si cercherà di dare risposta
sabato 16 Giugno alle 21.00, sui sagrato della Chiesa, non però nel corso di una conferenza sul tema o di un incontro di preghiera a riguar-do, ma attraverso l'ascolto e la visione di balli e canti: a Frescada, infatti, udite udite, sbarca il musical!!.

 

L'idea di questa rappresentazione del tutto inedita per la nostra Parrocchia sia per il genere che per le modalità di realizzazione, è nata ad opera di un nuovo gruppo all'interno della Comunità, una sorta di compagnia teatrale stabile che è già al lavoro anche per progetti futuri, la neoformata èquipe del "Sikomoro".
Il nome non è stato scelto a caso, ma con l'intento di richiamare alla memoria l'episodio del vangelo di Luca in cui un piccolo omino di nome Zaccheo, si arrampica sul tronco di quest'albero per poter distinguere Gesù confu-so nella folla.
Ed e proprio la ricerca di Gesù e la riscoperta del vigore della sua figura nel cammino di fede, il filo conduttore di un percorso, tanto faticoso quanto stimolante, che ha in questa rappre-sentazione teatrale la prima importante tappa. La vicenda del musical è semplice e nello stes-so tempo un po' surreale: protagonisti sono cinque ragazzi che, immersi nei tipici problemi dell'adolescenza, cercano di superarli per ap-pagare il loro desiderio di felicità. Come risolve-re questi problemi? I ragazzi gettano dietro le spalle la proposta cristiana perché la ritengono "da catechismo", non adeguata a chi sta cre-scendo; a chiarire loro le idee, però, compari-ranno strani personaggi, antichi, ma attualissimi (un Procuratore romano, un Fariseo, uno Scri-ba,..) a loro volta contrastati da altri non meno singolari..

A lavorare per il compimento di questa che vuole essere una festa per tutti, ma che intende coinvolgere specialmente i giovani, catturandoli con il linguaggio che loro stessi usano, è stato un numerosissimo insieme di persone di tutte le età che con pazienza per mesi, quasi in modo furtivo per non rovinare la sorpresa, hanno provato le musiche, allestito le scenografie e preparato i costumi.
Come deludere, dunque, le aspettative di que-sta allegra e variopinta tribù? E' inevitabile rac-coglierne l'invito, tenendo nel cuore quella che e per loro una frase significativa: "Sono alla tua porla e busso. se tu mi aprirai entrerò da te".

Aprite, perciò, la vostra porta alla riflessione e ai divertimento, accorrete numerosi!
Giulia

 



Home Page