il centro



Le prime testimonianze sulla vita religiosa di Preganziol risalgono all'anno 1000.

Chiesa di Sant'Urbano: nel 1778 fu eretta l'attuale chiesa che, a differenza dell'antica, edificata alla fine del Cinquecento, presenta l'abside rivolta ad Est, verso il Terraglio. Dedicata a Sant'Urbano, il cui martirio fu dipinto a fresco sul lacunare da Giambattista Canal (1752), figlio del Canaletto, è corredata da cinque altari di marmo provenienti dalla soppressa chiesa di Santa Marta a Venezia. All'interno si possono ammirare, tra le varie opere artistiche di minor rilievo, tre tele attribuite alle Scuole del Veronese e a Palma il Vecchio.

Nel 1774 si dovette ricostruire il campanile che era stato colpito da un fulmine; circa un secolo più tardi venne rifatta, in marmo bianco e rosso, la pavimentazione della chiesa ed eliminate le numerose lapidi sepolcrali ancora esistenti ma mai conservate. Nell'attuale cimitero si cominciò a seppellire dal 1860.

E' interessante ricordare che nell'edificio parrocchiale demolito nei primi del '700, vi era una balaustra in pietra d'Istria che separava a metà navata gli uomini dalle donne.


  Campanile
   

 
   
         
           
       
         
         
    La chiesa di Preganziol    
         
 Interno della chiesa    
         

 

Orari delle SS. Messe:
- Feriale 8.00 - 18.30
- Sabato 18.30
- Festivo 7.30 - 8.45 - 10.00 - 11.15 - 18.30

 

L'osteria di Preganziol (di sotto)

A differenza delle altre osterie, quasta non aveva un nome 'particolare' ma semplicemente quello del luogo ove nasceva.


Clicca per ingrandire
clicca per ingrandire

 

Via Schiavonia, verso Casale, propone anche delle occasioni per una passeggiata in bicicletta o, perché no, a piedi...

 

Pagine ospitate da