Successo dell’iniziativa della Regione
Buoni scuola chiesti da tremila famiglie
Agesc: «Soddisfatti della risposta»
articolo pubblicato su Il Gazzettino del 25 maggio 2001

 

(l.s.) Oltre tremila famiglie in provincia di Treviso hanno richiesto il buono scuola per il corrente anno scolastico. È il primo provvisorio bilancio di un'operazione riuscita, vista la massiccia adesione al progetto della Regione Veneto, nato per rispondere ad una precisa esigenza delle scuole private paritarie, quelle legalmente riconosciute. Pubblicato sul Bollettino ufficiale del 23 marzo 2001, il provvedimento ha trovato rapida attuazione ed entro il termine ultimo del 20 aprile migliaia di famiglie avevano debitamente compilato il modulo reperibile presso tutti gli Uffici regionali delocalizzati e presso le scuole stesse. Un consistente aiuto ai genitori è stato poi offerto dall'Agesc, l'Associazione genitori scuole cattoliche, il cui presidente provinciale Pio Eugenio Giabardo si è impegnato in prima persona con un viaggio itinerante nei vari istituti trevigiani, allo scopo di illustrare le importanti novità.
"Siamo assolutamente soddisfatti della risposta - spiega Giabardo - e speriamo che ora la Regione provveda in tempi altrettanto rapidi al pagamento dei buoni scuola". Pare che già nel prossimo mese di giugno dovrebbero giungere i primi rimborsi con accredito in conto corrente bancario. In questi giorni gli Uffici regionali stanno ultimando le operazioni di verifica dei moduli, con l'intento di controllare che tutto sia in regola. Per ottenere i contributi il nucleo familiare deve rientrare in una delle tre fasce stabilite con tetti di 30, 60 o 90 milioni. Tenendo presente che non si intende il reddito fiscale ma un reddito cosiddetto "equivalente" cioè corretto in base ad una serie di parametri illustrati nel bando (ad esempio il numero di figli). Inoltre i contributi variano a seconda che il figlio sia iscritto in una scuole elementare, media o superiore.

Pare comunque che nel complesso i genitori trevigiani abbiano colto al volo l'occasione informandosi per tempo ed inviando le richieste attraverso l'Agesc (soltanto un centinaio ha spedito singola raccomandata a Venezia).

Dando un'occhiata alla tabella degli istituti privati della Marca si nota come la scuola che ha raccolto il maggior numero di moduli è l'istituto Santa Maria delle Grazie di Preganziol con l'83 per cento di adesioni, seguito a ruota dal collegio Dante di Vittorio Veneto (80 per cento). Buona anche la risposta del liceo Maria Assunta di Castelfranco e della scuola elementare Carmen Frova di Treviso (rispettivamente con il 73 e 70 per cento).

Tiepida al contrario la situazione presso l'Istituto Filippin di Paderno del Grappa (solo 33 per cento di domande) e nella scuola elementare Maria Bambina di Treviso (39 per cento). Tutte le altre realtà scolastiche parificate si attestano più o meno sul 50 per cento di adesioni.

 

 

Home page