BABBO NATALE IN DIFFICOLTA'


di Nicolò B. (Cl. 3^)

Era la sera del 24 dicembre ed assieme alla mia famiglia ci stavamo preparando all'arrivo del Natale.
Io e mio fratellino stavamo preparando la tavola per la cena quando è suonato il campanello.
Non credevo ai miei occhi: era Babbo Natale che ci chiedeva qualcosa di caldo perché avea una renna che si sentiva male. Allora io e mio fratello abbiamo aperto la porta del garage per fare entrare in caerna la renna che non stava bene.
Io sono andato di sopra a prendere il termometro e l'abbiamo messo in bocca alla renna.
Babbo Natale era molto preoccupato per la salute della sua renna.
Dopo un po' il termometro segnava 39 di febbre, er cui abbiamo capito che la renna aveva l'influena ed allora abbiamo detto a Babbo Natale che poteva lasciare la renna a casa nostra e che noi l'avremmo curata.
Babbo Natale ci ha risposto che andava bene, però doveva lasciare un po' di doni a casa nostra perché, mancando una renna il peso era tantoo per le altre renne.
Allora ha lasciato un po' di doni ed è partito.
Noi intanto abbiamo preparato un letto di paglia alla renna ed anche un brodo caldo.
Babbo Natale è andato avanti tutta la notte a prendere i regali che aveva lasciato a casa nostra.
La mattina di Natale la renna stava bene e Babbo Natale ci ha ringraziato.
Ha caricato la renna sulla slitta ed ha riparato la renna dal freddo con una coperta ed è patito per il polo Nord.
La renna partendo ha fatto Muuuu che voleva dire "ciao".
Ecco la storia è finita e mi sarebbe piaciuto fosse stata vera.
Viva Natale
Viva Babbo Natale
Viva le renne.

 

 

Home page - Successiva - Indice favole