I MAGI - BALDASSARE - MELCHIORRE - GASPARRE -
DAL VANGELO DI MATTEO
di SERENA Z. (CL 3°)

La stella ha guidato il nostro cammino. L'abbiamo vista sorgere e così abbiamo saputo che era nato il re dei Giudei, il re più potente di tutti. Abbiamo attraversato deserti, montagne e fiumi.
Cammina e cammina, finalmente arriviamo a Betlemme. Li abbiamo chiesto ad uin pastore che abbeverava il suo gregge al pozzo notizie del bambino appena nato. Il pastore ci ha indicato una stalla: siamo entrati ed il piccolo re era li, in braccio alla sua mamma.
Gli abbiamo offerto i nostri doni: l'oro, l'incenso e mirra.
Poi ci siamo inginocchiati e l'abbiamo adorato. Un banbino ! Un banbino povero ! Eppure proprio di lui avevano parlato sapienti profeti. La stella cometa brillava più luminosa che mai: la luce entrò nelle nostre menti e i nostri cuori traboccavano di gioia e di pace.
Non c'erano più dubbi: avevamo trovato quello che avevamo cercato per tanti anni sulle piste del deserto e nelle parole dei libri dei profeti. Potevamo tornare ciascuno al suo paese. Però, prima di ritornare a casa, dovevemo passare dal re Erode, che era colui che governava il paese, per avvertirlo dove si trovava il bambino Gesù. Ma un messaggero di Dio venne a noi in sogno e ci disse:
Non andate a Gerusalemme perchè Erode vuole vedere il bambino non per adorarlo, ma per ucciderlo.
Allora cambiammo strada e tornammo alle nostre case per un'altra via.

 

 

Home page - Successiva - Indice favole