LO ZECCHINO
DEI PASSEROTTI

 

UN TEMPO, QUANDO L'ISOLA DEI BAMBINI ERA ABITATA SOLO DA ANIMALI, C'ERA UN GRANDE ALBERO DI MELE, DOVE GLI UCCELLINI AMAVANO RITROVARSI OGNI ANNO PER PARTECIPARE ALLO ZECCHINO. QUELL'ANNO C'ERA DAVVERO UNA GRANDE ATTESA: ALLA GARA CANORA AVREBBE INFATTI PARTECIPATO BELLAVOCE, UN PASSEROTTO DI SETTE ANNI, DALLA VOCE STRAORDINARIA. UNA VOCE TALMENTE BELLA CHE, QUANDO CANTAVA, TUTTI GLI ANIMALI DELL'ISOLA SI FERMAVANO AD ASCOLTARLA. E QUANDO VENNE IL GIORNO DELLA FINALE, BELLAVOCE ERA SICURAMENTE IL FAVORITO PER LA VITTORIA. SOTTO L'ALBERO DI MELE SI ERA RADUNATO UN PUBBLICO DI MIGLIAIA DI ANIMALI E TRA QUESTI C'ERA FIAMMA, LA VOLPE PIÙ FURBA DI TUTTA L'ISOLA. BELLAVOCE INIZIÒ A CANTARE E TUTTI GLI ANIMALI BATTERONO FORTE LE ZAMPE PER APPLAUDIRE, TANTO CHE IL PASSEROTTO FU SUBITO ACCLAMATO IL VINCITORE DELLO ZECCHINO, CON SUA GRANDE FELICITÀ. MA IL PERICOLO ERA IN AGGUATO: QUANDO TUTTO IL PUBBLICO TORNÒ A CASA LA VOLPE FIAMMA, CHE VOLEVA MANGIARE IL PASSEROTTO BELLAVOCE, TENTÒ DI INGANNARLO:


"MA CHE BELLA VOCE CHE HAI, MA COME SEI BRAVO! VIENI CON ME E TI FARÒ DIVENTARE UN CAMPIONE DELLA MUSICA!! VENDERAI MILIONI DI DISCHI E DIVENTERAI FAMOSO!"
IL PASSEROTTO BELLAVOCE FECE FINTA DI ACCONSENTIRE E, VISTO CHE ERA ORMAI BUIO, SI NASCOSE TRA LE FOGLIE. POI, INVECE DI SCENDERE DALL'ALBERO, BUTTÒ GIÙ UNA MELA. NON APPENA LA VOLPE SENTÌ QUEL TONFO, SI BUTTÒ SOPRA LA MELA E SE LA MANGIÒ IN UN SOL BOCCONE E QUANDO CAPÌ CHE IL PASSEROTTO L'AVEVA 'GIOCATA', SI ARRABBIÒ MOLTISSIMO, MA NON POTÈ FARE NULLA PERCHÉ IL PASSEROTTO VOLÒ VERSO CASA PER RACCONTARE AI SUOI GENITORI DELLA VITTORIA E DEL PERICOLO SCAMPATO.

MORALE: NON BISOGNA MAI DARE RETTA AGLI SCONOSCIUTI E BISOGNA SEMPRE RACCONTARE TUTTO A MAMMA E A PAPÀ

 

Ehilà, bambini! Vi è piaciuta la storia? Sappiate che l'abbiamo tratta dal grande libro virtuale di Internet, dove se ne possono trovare moltissime (questa, in particolare, proviene dal sito www.bimbi.it).Potremmo quindi accontentarci di ciò che la rete ci offre, ma dovete sapere che noi della redazione siamo molto ambiziosi, perciò vi invitiamo a scrivere una favola e ad imbucarla nell'apposito contenitore che verrà collocato all'ingresso della nostra Scuola; sul retro indicherete il nome, il cognome e la classe che frequentate. Naturalmente, sarà considerata attività extra-scolastica quindi, per premiare l'impegno, vi assicuriamo che tutte le favole che ci perverranno saranno pubblicate nel nostro sito Internet digilander.iol.it/ScuolaMia, dove chiunque le potrà leggere. Inoltre, le migliori - a insindacabile giudizio della redazione - verranno pubblicate sulla prima pagina del nostro giornalino. Ma le sorprese non finiscono mica qui, perché, meraviglia delle meraviglie, l'A.GE.S.C. premierà la più bella del biennio (1^ e 2^ classe) con l'abbonamento annuale a "pimpa" e la piu' bella del triennio (3^, 4^ e 5^ classe) con l'abbonamento annuale al "TOPOLINO"; inoltre sarà premiata la classe che produrra' il maggior numero di storie con l'abbonamento annuale della stessa al "TOURING JUNIOR".
Dunque, cari bambini, al lavoro: abbiamo fissato il termine per la raccolta delle vostre opere per il giorno 20 gennaio 2001! (messaggio per i genitori: statevene alla larga…)


 

Home page - Giornalino - numero 46